Luciana Nissim

Luciana con il padre

Luciana Nissim

Luciana Nissim

Dal 1947 al 1956 lavora presso la Olivetti ad Ivrea, dopo la rottura con Adriano, nel 1956 si trasferisce a Milano e inizia il percorso per diventare psicoanalista. Nel 1960 nasce Alberto. Di Auschwitz non parla più.Tra la fine degli anni settanta e gli anni ottanta diventa una delle voci più interessanti della psicoanalisi italiana sviluppando un suo pensiero originale che la porta ad avere molti allievi. A partire dal 1987 inizia a ripensare al suo percorso di deportata e dopo la morte di Primo Levi e di suo marito Franco Momigliano inizia a rilasciare testimonianze sulla shoah: la prima a Liliana Picciotto del CDEC nel giugno del 1989. La sua riflessione su Auschwitz dura fino alla morte, avvenuta nel dicembre del 1998.








INSMLI

Mostra multimediale interattiva
Torino • 27 Gennaio | 20 Marzo 2010
Fossoli • 25 Aprile | 11 Luglio 2010
5-20 Settembre 2010
Roma • 12 Ottobre | 27 Novembre 2010